La Signora delle giacche in lana cotta: i capolavori della De Antoni Carnia

by lunedì, Ottobre 19, 2020

Mariateresa De Antoni, la regina delle giacche in lana cotta in Carnia. A Comeglians guida uno dei pochissismi laboratori in Italia per la tessitura e confezione di articoli in lana cotta, lavorata dal filato alla cottura fino alla confezione, seguendo tempi e metodi tradizionali.

“La lana contiene idrogeno, ossigeno, zolfo e molti altri elementi. Un vero toccasana per il corpo. Chi indossa la lana è più equilibrato e comunicativo.” W. Schwienbacher

Gli scarpets di Dina&Chiara: tradizione e tendenza

by domenica, Ottobre 4, 2020

Ogni volta è come un miracolo che si rinnova. E ogni volta è la stessa gioia, la stessa soddisfazione, quando quello scampolo di tessuto, scelto tra i mille disponibili, si trasforma in un elegante, unico e perfetto paio di scarpets.

“Comodi, anzi comodissimi. E soprattutto chic. Finalmente gli scarpets sono diventati tra gli oggetti più ricercati del momento.”

“Nulla è perduto”: a Illegio l’arte della vita

by giovedì, Ottobre 1, 2020

“Nulla è perduto”, un titolo capace di scuotere da subito; in un momento come quello che stiamo vivendo, costretti a combattere contro l’insidiosa pandemia, ad Illegio si celebra la vita e la bellezza che non si arrendono.

“Che cosa sarebbe la vita se non avessimo coraggio di correre dei rischi?” Vincent Van Gogh

Foliage in Carnia: 2 itinerari per non perdersi lo spettacolo autunnale

by lunedì, Settembre 7, 2020

Uno spettacolo che in Friuli Venezia Giulia è particolarmente suggestivo, grazie alla straordinaria biodiversità data dalle numerosissime specie di alberi presenti. Aceri, larici, betulle, frassini, castagni: qui non manca nulla e le foglie si tingono letteralmente di mille colori.

“C’è una gioia nei boschi inesplorati. C’è un’estasi sulla spiaggia solitaria. Io non amo l’uomo di meno, ma la Natura di più.” George Gordon Byron

Elogio della lentezza…su due ruote

by lunedì, Maggio 20, 2019

La modernità ci impone di andare veloci. Sempre più veloci. Tuttavia ognuno ha la sua velocità, e anche chi va piano a suo modo va veloce. Ed è proprio qui che ci viene in aiuto la lentezza, che sulle due ruote ha un fascino del tutto particolare.

“La bicicletta è un modo di accordare la vita con il tempo e lo spazio, è l’andare e lo stare dentro misure ancora umane.” Sergio Zavoli

Sulle tracce del Vajont alla scoperta di Erto e Casso

by venerdì, Maggio 3, 2019

Ritrovarsi per la prima volta davanti al Vajont non è cosa da poco. Una valle messa a nudo, spogliata da un lato dove, esposte, si intravedono ancora le ginocchia sbucciate di un monte ferito. Il primo senso colpito è sicuramente quello della vista, seguito a ruota dall’udito.

“Le radici non le tagli. Sono elastici con un capo legato al campanile e l’altro intorno la nostra vita.” Mauro Corona

Fred Jerbis: Federico, maestro del Gin Made in Friuli

by domenica, Febbraio 3, 2019

Sono un barman che ha fatto della sua più grande passione, lo studio delle erbe in un’ottica di tradizione e modernizzazione, un progetto di vita. Mi piace sperimentare nuovi abbinamenti, rinnovando i gusti del passato e fondendoli in nuovi e originali accostamenti.

“Grande è la fortuna di colui
che possiede una buona bottiglia,
un buon libro, un buon amico.” Molière

Grazie Gigliola, uno sguardo delicato sul Friuli dal mondo

by martedì, Dicembre 18, 2018

Il suo sguardo fotografico ci affascina da subito per essere incredibilmente distante da quell’apparente durezza: delicato, raffinato, capace di cogliere quell’istante irripetibile che solo i grandi fotografi sanno immortalare.

“L’arte non può cambiare il mondo, ma può cambiare lo sguardo che noi abbiamo sull’altro.” Agnés Varda

Friuli Doc: a tavola con 4 (ri)scoperte eccellenze della terra friulana

by mercoledì, Settembre 19, 2018

“Parlarne bene o parlarne male non importa, purché se ne parli”, diceva qualcuno. Ripenso ad Oscar Wilde e il pensiero va alla tre giorni più attesa, amata e dibattuta della provincia udinese.

“La tradizione non consiste nel conservare le ceneri
ma nel mantenere viva una fiamma.” J. Jaurès

Dal barocco di Gradisca d’Isonzo al mare, passando per il Carso: cronaca di un itinerario di frontiera

by martedì, Agosto 7, 2018

Visito Gradisca d’Isonzo in una calda e assolata domenica di Luglio, incuriosita dal prestigioso riconoscimento di cittadina annoverata come uno dei Borghi più belli d’Italia, ma, al tempo stesso, inconsapevolmente senza aspettative. Ma si sa i veri piaceri sono quelli inaspettati

“L’unico vero viaggio, l’unico bagno di giovinezza, non è andare verso nuovi paesaggi ma avere altri occhi, vedere l’universo con gli occhi di un altro.” Marcel Proust